Statuto dell'associazione culturale "Web 2012"

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE CULTURALE DENOMINATA “WEB 2012”

SEDE – DURATA

Articolo 1 – L’associazione “Web 2012” ha sede a Mogliano Veneto (Tv) in via Monte Sorapiss 7, cap. 31021.  L’indirizzo di posta è il seguente: associazione culturale “Web 2012”: c/o Matteo Zanetti, via Monte Sorapiss 7, 31021 Mogliano Veneto (Tv) – Tel 041.5904036 – 329.4690434

Il trasferimento della sede legale non comporta modifica statutaria, ma l’obbligo di comunicazione agli uffici competente, previa delibera del consiglio direttivo. L’associazione è disciplinata dal presente statuto e dagli eventuali regolamenti che, approvati secondo le norme statutarie si rendessero necessarie per meglio regolamentare specifici rapporti associativi o attività.
L’associazione e i rapporti tra i suoi associati sono regolati, per quanto non previsto dal presente statuto dalle norme della Costituzione della Repubblica Italiana, del Codice Civile e della Legislazione vigente in Italia.
L’Associazione è a tempo indeterminato e potrà essere sciolta dall'assemblea riunita in sede straordinaria.

OGGETTO

Articolo 2 – Convinti dalle possibilità straordinarie di comunicazione offerta dalla rete vogliamo, attraverso l'associazione, condividere, scambiare liberamene e diffondere, notizie e informazioni nel rispetto delle diversità, del pluralismo, della libertà d'informazione, della pace e della democrazia. Dichiariamo di essere contrari a qualsiasi forma di razzismo, o di esclusione, di monopolio dell'informazione, di censura. Siamo contrari alla guerra e ad ogni forma di violenza.

Scopo dell’associazione denominata “Web 2012” è cercare di utilizzare il web per diffondere e condividere uno spazio in cui le informazioni siano libere ed arrivino direttamente al cittadino. Ciò viene attuato non solo tramite siti web, ma anche attraverso blog, social network, mostre, concorsi, conferenze, riunioni, proiezioni e quant’altro idoneo per una maggiore diffusione delle informazioni in tutti i suoi aspetti.
L'associazione è aperta alla collaborazione con enti pubblici, altre associazioni culturali e a quei cittadini che accettano le finalità dello statuto.

L’associazione può inoltre:

  • svolgere ed organizzare in proprio o in collaborazione con altri organismi o enti (pubblici e privati) corsi di formazione, specializzazione, qualificazione e aggiornamento, borse di studio, conferenze, attività culturali, seminari, incontri, convegni attinenti allo scopo sociale e qualsiasi tipo di attività nell’ambito della cultura e della comunicazione;
  • gestire, anche per conto terzi, attività di carattere culturale ed ogni altra iniziativa atta ad agevolare la preparazione culturale e professionale riferita alle finalità;
  • promuovere e svolgere, anche per conto terzi, attività di ricerca e di analisi, inerenti a problematiche specifiche riguardanti le finalità, sia con strumenti propri che di terzi;
  • acquisire, gestire, produrre pubblicità, produrre e vendere materiale didattico, audiovisivi, filmati e altro materiale multimediale attinente allo scopo sociale;
  • svolgere l’attività editoriali, di produzione, di distribuzione, di diffusione in Italia e all’Estero di programmi televisivi, di pubblicazioni periodiche, librarie e informatiche, nonché di prodotti multimediali a carattere sociale, culturale, ricreativo e politico.

Per il raggiungimento dello scopo sociale, l’associazione “Web 2012” può reperire o gestire fondi, attrezzature e immobilizzazioni. L’associazione inoltre potrà aderire, stringere alleanze, stipulare accordi di collaborazione con associazioni e organizzazioni nazionali ed estere, che non perseguano finalità in contrasto con il presente statuto. L’associazione “Web 2012” non ha finalità di lucro.

ASSOCIATI


Articolo 3 – Possono far parte dell’associazione, in numero illimitato tutti coloro che aderiscono al presente statuto e intendono collaborare per il raggiungimento dello scopo sociale. Possono chiedere di essere ammessi le persone fisiche mediante l’invio della domanda di adesione sulla quale decide, senza obbligo di motivazione, il consiglio direttivo. I soci possono essere:

  • SOCI "FONDATORI": Sono soci fondatori le persone che hanno firmato l’atto costitutivo e quelli che successivamente e con deliberazione insindacabile ed inappellabile del consiglio direttivo, saranno ammessi con tale qualifica in relazione alla loro fattiva opera nell’ambiente associativo.
  • SOCI "ORDINARI": Coloro che scelgono di aderire all’associazione per portare il proprio contributo, secondo le disponibilità e capacità, alle scelte e alle attività dell’associazione, dietro versamento dell'apposita quota associativa annuale, così come deliberata dal consiglio direttivo e approvata dall'assemblea.
  • SOCI "SOSTENITORI": Coloro che contribuiscono agli scopi dell’associazione mediante conferimenti in denaro o mettano a disposizione dell’associazione, senza corrispettiva prestazione alcuna, beni o servizi di qualsiasi natura, al solo fine di sostenere l’attività che la stessa promuove.


Articolo 4 – Gli associati sono tenuti ad osservare le disposizioni statutarie e regolamentari, nonché le direttive e le deliberazioni che, nell’ambito delle disposizioni medesime, sono emanate dagli organi dell’associazione e a pagare le quote d’iscrizione, nonché le quote associative e i contributi nell’ammontare fissato dal consiglio direttivo.
Possono partecipare alle riunioni dell’assemblea dei soci con diritto di voto i soli soci fondatori e ordinari. La qualifica di socio si assume con l'iscrizione nell'apposito libro e con il rilascio con l’apposita tessera dell’associazione.

Articolo 5 – Quanti desiderassero divenire soci "ordinari" e "sostenitori” sono obbligati a versare le "quote associative" e/o le "somme aggiuntive", così come deliberate annualmente dall’assemblea dei soci.  La quota o contributo associativo non è mai rivalutabile.
Condizione indispensabile per il mantenimento dello status di socio è: l’irreprensibile condotta morale e civile nonché la scrupolosa osservanza delle norme statutarie e delle deliberazioni delle assemblee con particolare riguardo al versamento della quota annua associativa.
La quota associativa è intrasmissibile. Fanno eccezione i trasferimenti mortis causa.

La qualifica di socio può venire meno per i seguenti motivi:

  • per mancato pagamento della quota associativa: la decadenza avviene su decisione del consiglio direttivo trascorsi 4 mesi dal mancato versamento della quota sociale annua;
  • per rifiuto motivato del rinnovo da parte del consiglio direttivo previa delibera dell’assemblea;
  • per espulsione: qualora il comportamento o le attività del socio siano in palese contrasto con i principi o le finalità del presente statuto. Tale decisione è assunta per delibera del consiglio direttivo previa delibera dell’assemblea dei soci;
  • per dimissioni.

Gli associati che abbiano cessato di appartenere all’associazione non possono richiedere i contributi versati e non hanno alcun diritto sul patrimonio dell’associazione stessa. I soci prestano la loro opera gratuitamente in favore dell’organizzazione e non possono stipulare con essa alcun tipo di lavoro dipendente o autonomo, subordinato o para-subordinato.

RISORSE ECONOMICHE E PATRIMONIO

Articolo 6 – Il patrimonio sociale è indivisibile.
Le risorse economiche per il conseguimento degli scopi dell’associazione e per sopperire alle sue spese di funzionamento saranno costituite:

  • dalle quote sociali annue stabilite dal consiglio direttivo;
  • dai proventi derivanti da eventuali attività associative di promozione, informazione e sensibilizzazione (manifestazioni, iniziative sociali e culturali, ecc.);
  • da ogni altro contributo, compresi donazioni, lasciti e rimborsi dovuti a convenzioni, che soci, non soci, enti pubblici o privati, diano per il raggiungimento dei fini dell’associazione;
  • da contributi di organismi internazionali;
  • da eventuali beni mobili e/o immobili che potranno essere acquistati.

L’associazione avrà la facoltà di acquisire beni mobili e/o immobili, accettando donazioni, lasciti e beni destinati in via successoria, mediante delibera del consiglio direttivo. I singoli associati non possono chiedere la divisione delle risorse comuni.

ORGANI DELL'ASSOCIAZIONE

Articolo 7 – Sono organi dell'associazione:

  • l'assemblea dei soci;
  • il consiglio direttivo;
  • il presidente.

Tutte le cariche elettive sono gratuite

ASSEMBLEA DEI SOCI

Articolo 8 – L’assemblea regolarmente costituita rappresenta l’universalità degli associati. Le sue deliberazioni, prese in conformità alla legge ed al presente statuto, obbligano tutti gli associati.
L’assemblea può essere ordinaria e straordinaria in base all’oggetto della deliberazione.
L’assemblea è il massimo organo deliberante. In particolare l’assemblea ha il compito di:

  • ratificare l’entità delle quote sociali annue stabilite dal consiglio direttivo;
  • approvare il bilancio consuntivo e quello preventivo;
  • deliberare sulle modifiche dello statuto dell’associazione e sull’eventuale scioglimento dell’associazione stessa


Articolo 9 – L’assemblea è convocata presso la sede sociale o altrove, almeno una volta all’anno entro il mese di aprile.
Essa deve inoltre essere convocata ogni volta ciò venga richiesto dal presidente dell’associazione, dal consiglio direttivo o da almeno un terzo dei soci.
La convocazione è fatta dal presidente dell’associazione e avviene mediante comunicazione scritta inviata con ogni mezzo idoneo (raccomandata e/o email e/o sito internet) almeno quindici giorni prima della data fissata per l’assemblea all’indirizzo risultante dal libro dei soci.
Nella convocazione dovranno essere specificate l’ordine del giorno, la data, il luogo e l’ora dell’assemblea, sia in prima che di un’eventuale seconda convocazione. L’assemblea può essere convocata in seconda convocazione in ora successiva, nello stesso giorno della prima convocazione.

Articolo 10 – L'assemblea è costituita dai soci fondatori e ordinari, i quali hanno tutti i medesimi poteri di intervento e di voto. Nell’assemblea esercitano diritto di voto tutti i soci in regola con il versamento della quota sociale e che alla data di convocazione risultino iscritti prima dell’assemblea. Il voto deve essere espresso in modo palese. Delle riunioni dell’assemblea deve essere redatto il verbale sottoscritto dal presidente e dal verbalizzante e conservato negli appositi libri dell’associazione.

Articolo 11 – Le deliberazioni dell’assemblea in prima convocazione sono prese a maggioranza di voti con la presenza fisica di almeno la maggioranza degli associati. In seconda convocazione le deliberazioni sono valide a maggioranza qualunque sia il numero degli intervenuti. Nel conteggio della maggioranza dei voti non si tiene conto degli astenuti.
Per deliberare lo scioglimento dell’associazione e la devoluzione del suo patrimonio occorre il voto favorevole di almeno il 75% degli associati intervenuti sia in prima che in seconda convocazione e il parere favorevole del consiglio direttivo.
Le decisioni prese dall’Assemblea, sia ordinaria che straordinaria, impegnano tutti i soci.

L’assemblea è presieduta dal presidente dell’associazione o in sua assenza dal vicepresidente o, in assenza di quest’ultimo, da un membro del consiglio direttivo designato dalla stessa assemblea. Le funzioni di segretario sono svolte dal segretario dell’associazione o in caso di suo impedimento da persona nominata dall’assemblea. I verbali dell’assemblea saranno redatti dal segretario e firmati dal presidente e dal segretario stesso.
Le decisioni prese dall’assemblea, sia ordinaria che straordinaria, impegnano tutti i soci sia dissenzienti che assenti.
Ogni socio ha diritto di consultare il verbale dei lavori redatto dal segretario e sottoscritto dal presidente.

CONSIGLIO DIRETTIVO

Articolo 12
- Il consiglio direttivo è composto da un numero dispari di membri non inferiore a tre e non superiore a sette, incluso il presidente che è eletto direttamente dall’assemblea. L’assemblea elegge il consiglio direttivo, determinando di volta in volta il numero dei componenti. Il consiglio direttivo ha il compito di attuare le direttive generali stabilite dall’assemblea e di promuovere ogni iniziativa volta al conseguimento degli scopi sociali.
Al consiglio direttivo compete inoltre di assumere tutti i provvedimenti necessari per l’amministrazione ordinaria e straordinaria, l’organizzazione e il funzionamento dell’associazione, l’assunzione eventuale di personale dipendente; di predisporre il bilancio dell’associazione, sottoponendolo poi all’approvazione dell’assemblea; di stabilire la quota di ammissione e le eventuali quote annuali e i contributi dovuti dai soci.
Il consiglio direttivo può demandare ad uno o più consiglieri lo svolgimento di determinati incarichi e delegare a gruppi di lavoro lo studio di problemi specifici.

Articolo 13 – Il consiglio direttivo nomina tra i suoi membri il vicepresidente, il tesoriere e il segretario. Sarà in facoltà del consiglio direttivo preparare e stilare un apposito regolamento, che conformandosi alle norme del presente statuto, dovrà regolare gli aspetti pratici e particolari della vita dell’associazione.
Detto regolamento dovrà essere sottoposto per l’approvazione all’assemblea che delibererà con le maggioranze ordinarie.

Articolo 14 – I membri del consiglio direttivo durano in carica tre anni e sono rieleggibili per non più di due volte. Se vengono a mancare uno o più consiglieri, il consiglio direttivo provvede a sostituirli nominando a loro posto il socio o i soci che nell’ultima elezione assembleare seguono nella graduatoria della votazione.
In ogni caso i nuovi consiglieri scadono insieme a quelli che sono in carica all’atto della loro nomina. Se vengono a mancare consiglieri in numero superiore alla metà, il presidente deve convocare l’assemblea per nuove elezioni.

Articolo 15 – Il consiglio direttivo si raduna su invito del presidente ogni qualvolta se ne dimostra l’opportunità, oppure quando ne facciano richiesta scritta almeno due membri del consiglio stesso. Ogni membro del consiglio direttivo dovrà essere invitato alle riunioni almeno tre giorni prima; solo in caso d’urgenza il consiglio direttivo potrà essere convocato nelle ventiquattro ore. La convocazione della riunione può essere fatta a mezzo lettera raccomandata o da consegnare a mano, a mezzo fax, posta elettronica, sito internet e/o telegramma.
L’avviso di convocazione dovrà indicare gli argomenti posti all’ordine del giorno.

Articolo 16 – Per la validità della riunione del consiglio direttivo è necessaria la presenza della maggioranza dei membri dello stesso.
La riunione è presieduta dal presidente dell’associazione, o in caso di sua assenza, dal vicepresidente o, in assenza di quest’ultimo, da altro membro del consiglio più anziano per partecipazione dell’associazione.
Le funzioni di segretario sono svolte dal segretario dell’associazione o, in caso di sua assenza o impedimento, da persona designata da chi presiede la riunione.
Le deliberazioni sono prese a maggioranza di voti; in caso di parità prevale il voto di chi presidente. Delle deliberazioni stesse sarà redatto verbale sottoscritto dal presidente e dal segretario.

Articolo 17 – Al tesoriere spetta il compito di tenere e aggiornare i libri contabili e di predisporre il bilancio dell’associazione; tutti gli altri libri sono tenuti dal segretario.

Articolo 18 – Il presidente è eletto dall’assemblea e dura in carica tre anni. La prima nomina è ratificata nel presente atto. Il presidente ha la rappresentanza legale dell’associazione nei confronti dei terzi e presiede le assemblee dei soci e le adunanze del consiglio direttivo.
Il presidente assume nell’interesse dell’associazione tutti i provvedimenti, ancorché ricadenti nella competenza del consiglio direttivo nel caso ricorrano motivi d’urgenza e si obbliga a riferirne allo stesso in occasione della prima adunanza utile.
Il presidente ha i poteri della normale gestione ordinaria e straordinaria dell’associazione. In particolare al presidente compete anche:

  • predisporre le linee generali del programma delle attività annuali ed a medio termine dell’associazione;
  • redigere la relazione consuntiva annuale sull’attività dell’associazione;
  • vigilare sulle strutture e sui servizi dell’associazione;
  • determinare i criteri organizzativi che garantiscano efficienza, efficacia, funzionalità e puntuale individuazione delle opportunità ed esigenze per l’associazione e gli associati;
  • emanare i regolamenti interni degli organi e strutture dell’associazione;
  • promuovere azioni e indirizzi.

ESERCIZIO SOCIALE

Articolo 19 – Gli esercizi sociali si chiudono il 31 dicembre di ogni anno e con la chiusura dell’esercizio verrà formato il bilancio che dovrà essere presentato all’assemblea per l’approvazione entro quattro mesi dalla chiusura dell’esercizio sociale.

SCIOGLIMENTO


Articolo 20 – In caso di scioglimento il patrimonio dell’associazione non potrà essere diviso tra i soci, ma sarà interamente devoluto ad altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale o a fini di pubblica utilità, sentito l’organismo di controllo di cui all’articolo 3, comma 190, della legge 23 dicembre 1996 n. 662, salvo diversa destinazione imposta dalla legge. Le associazione beneficiarie saranno scelte dall’assemblea in base all’esito di una votazione per scegliere tra quelle che indicherà il consiglio direttivo.

NORME FINALI

Articolo 21 – Per quanto non contemplato dal presente statuto e dal regolamento sociale sui rapporti tra i soci e tra i soci e l’associazione, si applicano le norme di legge vigenti nella Repubblica Italiana.

INFORMAZIONI

Per informazioni, richieste video, per segnalazione eventi, mandate una mail a info@moglianotv.it per tutte le vostre domande, risponderemo nel più breve tempo possibile. Se volete diventare reporter ufficiali della MoglianoTv, non esitate a contattarci.

Se volete vedere vostri video in onda, vi basterà inviarli alla redazione tramite emai. I video saranno visionati dallo staff, che deciderà se pubblicarli o meno.

MoglianoTv in Onda

I nostri servizi vengono trasmessi su "Prima Free":

  • su Sky al canale 891
  • sul digitale terrestre al canale 115 e 612 per il Veneto
  • 663 Lombardia, Emilia Romagna e Marche
  • 91 Friuli Venezia Giulia

Se possiedi una videocamera, una fotocamera, oppure un telefono cellulare che permette riprese, diventa inviato speciale. Riprendi quello che ti accade intorno, un'evento, una manifestazione, un fatto, contattaci e lo pubblicheremo.